Dahlìa

Ballate acustiche con strumenti musicali curiosi

dahlia1
dahlia2dahlia1

Dahlìa

Tradizioni e nuove tendenze, musiche e strumenti antichi a braccetto con altri moderni, acustica ed elettronica, groove e pathos: ecco Dahlìa. Sei musicisti tra i venti e i trent’anni, già forti di esperienze formative con artisti noti nell’ambiente della musica folk e altrove, hanno dato vita a questo nuovo gruppo che ridisegna il rapporto tra quel che è noto e quel che ancora è da scoprire nella contemporaneità musicale.

Una sorpresa che canta in italiano, in latino, in inglese e in altri idiomi, e che suona basso elettrico e ghironda, chitarre e batteria accanto a lira calabrese e zampogna!

Arianna Colantoni
Una giovanissima cantante dalle doti vocali molto interessanti in grado di spaziare dal genere pop alle timbriche del folk. Autrice di alcuni dei testi dei brani del gruppo, padroneggia facilmente l’inglese ma anche dialetti italiani e spagnolo, greco, latino, arabo.

Giordano Treglia
Solista di ghironda, di lira e strumenti tradizionali e sperimentali ad arco, tra cui il Nak Tarhu (realizzato dal liutaio australiano Peter Biffin) ha frequentato uno stage di formazione musicale con il maestro Ross Daly e la specialista Kelly Thoma. Ha avuto diverse esperienze nell’ambito dei progetti europei “Ethnocamp della Jeunesse Musicales” in ruolo di solista (ghironda, tamburello) nelle orchestre giovanili multietniche in Estonia, Norvegia, Italia realizzando tournèe in questi Paesi. Autore delle musiche del gruppo.

Gianmarco Gabriele
Validissimo polistrumentista (organetto, percussioni tradizionali, batteria, drum machine) e studioso di musica elettronica presso il Conservatorio di Frosinone. Ha avuto modo di collaborare, in qualità di solista, con numerosi artisti della scena world italiana tra cui Antonio Infantino, Cisco, Nada, Fausto Mesolella, Ginevra di Marco, Ambrogio Sparagna, Peppe Voltarelli e l’asturiano Hevia.

Marco Iamele
Tra i più apprezzati solisti di zampogna, ciaramella, piva, cornamusa e altri strumenti ad ancia doppia che lui stesso ha contribuito a perfezionare organologicamente attraverso i suoi studi nel settore e la intensa collaborazione con la Liuteria Montecassino (tra le più apprezzate al mondo in questo specifico settore).  E’ inoltre esperto di flauto rinascimentale e barocco e studioso appassionato dei manoscritti musicali conservati nelle biblioteche benedettine e cistercensi italiane, in particolare dell’Abbazia di Montecassino per la quale ha realizzato attività di ricerca.

Andrea Micheli
Alla formazione classica, ha presto affiancato l’interesse e lo studio per la musica tradizionale spingendosi anche all’ambito pop con la chitarra sempre protagonista – nelle varie forme: acustica, classica, elettrica. Alla ricerca e alla pratica strumentale attualmente ha aggiunto anche l’attività di docente dello strumento.

Diego Micheli
La sua grande passione per i diversi generi musicali lo porta ad approfondire ed integrare il bagaglio classico con lo studio di strumenti come il basso elettrico e il contrabbasso.
Attualmente è il contrabbassista dell’”Orchestra Popolare Italiana” del Parco della Musica di Roma diretta dal M° Ambrogio Sparagna con il quale suona da 6 anni. Con questa formazione ha avuto modo di consolidare numerose esperienze importanti sul territorio nazionale ed internazionale collaborando con artisti del calibro di Francesco De Gregori, Carmen Consoli, Eugenio Bennato, Simone Cristicchi, Luca Barbarossa, e di esibirsi su palchi di festival e teatri prestigiosi.