Famiglia Maraviglia

Ballate acustiche con strumenti musicali curiosi

fa
fafamigliamaraviglia1famigliamaraviglia3famigliamaraviglia4

FAMIGLIA MARAVIGLIA

Giordano Tregliaghironda, lira calabrese, cucchiai
Clara Graziano: organetto, voce, danza
Erasmo Tregliaviolino a tromba, mandola, tofa
Arianna Colantoni:  voce, autoharp
.
.
Famiglia Maraviglia – formata da padre, madre, figlio e fidanzata musicisti – è una nuova e affascinante realtà della musica popolare e d’autore che mette al centro del progetto la varietà e originalità degli strumenti musicali utilizzati in concerto. Giordano suona ghironda, lira calabrese e flauti armonici; Erasmo si alterna al violino a tromba, alla mandola e alla tofa; Clara organetto e castagnette e infine Arianna con la sua autoharp. In concerto si ascolta e si racconta questa piccola orchestra acustica attraverso un repertorio di brani originali tutti composti dal giovanissimo Giordano e ispirati alle storie del Mediterraneo e ai racconti di Appennino. A dargli sostegno Erasmo Treglia già animatore di molti gruppi come Acquaragia Drom, Tammurriata di Scafati, La Congrega del Tamburo e Clara Graziano con i suoi progetto de Circo Diatonico e La Banda della Ricetta.

Ed infine l’affascinante voce di Arianna Colantoni che completa un quadro familiare e artistico e musicale di grande coinvolgimento.

Folk Palindromo

Folk Palindromo perché il repertorio si può leggere e ascoltare in ogni direzione: c’è una ruota che gira, un plettro che arrotonda, un violino che fa le scale, i cucchiai che incastrano il ritmo e altre Maraviglie tipiche della musica di strada…e di corte.
Tutto è costruito per catturare il pubblico e portarlo con brani originali tradizionali italiani che riecheggiano il viaggio, le serenate, le feste popolari del Belpaese.
Folk Palindromo perché padre e figlio e madre, cantano e suonano melodie che si incontrano e si allontanano, create da noi o composte da chissà chi, che arrivano da chissà dove, che vanno chi lo sa verso cosa.
Ma ecco che l’alchimia si combina ed è un tutt’uno con il ritmo della strada, con il canto di un cantastorie, con le movenze di una ballerina, con la melodia di un sonetto d’amore, con l’armonia di una preghiera o di un inno di gioia e di battaglia.
Perché la tradizione si tradisce e continua il suo viaggio grazie a un trio che si scinde e si fonde in una danza vorticosa di note rubate ai legni, alle corde, all’ottone, alla terra.

Particolarmente adatto per palchetti e cortili, feste e festini, grandi e piccini.

Padre e figlio e madre e spirito santo in cammino tra brani originalissimi e nuova musica popolare
(Music In)