Il Mediterraneo è Donna | Stefano Saletti & Banda Ikona

5 Aprile – Auditorium Parco Della Musica di Roma | Teatro Studio h. 21.00
“Il Mediterraneo è donna”

Canti e racconti con
Stefano Saletti e Banda Ikona
(Gabriele Coen, Mario Rivera, Carlo Cossu, Giovanni Lo Cascio)

e le voci di:

Barbara Eramo
Lucilla Galeazzi
Yasemin Sannino
Gabriella Aiello
Raffaela Siniscalchi
Emeka Ogubunka
Selam Yemane
Nando Citarella
Pejman Tadayon

 

Coro Laboratorio S.Egidio
Baobab ensemble
Coro Laboratorio musicale richiedenti asilo e rifugiati e
Coro femminile Istituto Arcangelo Corelli
diretti dal maestro Angelo Fusacchia
Letture di Francesca Bellino
Interventi di donne siriane rifugiate in Italia e di ragazze di seconda generazione del progetto Termini Underground

 Raccontare il Mediterraneo attraverso le voci delle donne: cantanti, scrittrici, madri, rifugiate, migranti. Questo il senso di una serata particolare che in un’epoca di innalzamento di nuovi muri e barriere vuole far incontrare le tradizioni musicali delle due sponde del Mare nostrum per far capire attraverso la musica e le parole che ciò che unisce è più forte di ciò che divide.

I brani delle grandi interpreti (Fairuz, Umm Kulthum, Amalia Rodrigues, Sezen Aksu, Rosa Balistreri) insieme al repertorio di Stefano Saletti e Banda Ikona per narrare le storie delle donne di ieri e di oggi, sradicate dalla violenza dell’uomo, costrette a lasciare la propria terra e a reinventarsi una vita, madri coraggio simbolo di un Mediterraneo più che mai dilaniato e ferito.

Durante la serata si alterneranno musiche e racconti, con testimonianze delle donne siriane rifugiate in Italia ospiti della Comunità di Sant’Egidio, letture di Francesca Bellino sulle donne di Tunisi tratte dal suo libro “Sul corno del rinoceronte”, interventi di ragazze immigrate di seconda generazione del progetto “Termini Underground” diretto da Angela Cocozza.

Sul palco un grande ensemble popolare: la Banda Ikona con Stefano Saletti (oud, bouzouki, chitarre, voce), Gabriele Coen (fiati), Mario Rivera (basso acustico), Carlo Cossu (violino), Giovanni Lo Cascio (batteria e percussioni) e alcune delle voci più affascinanti della scena popolare e world, Barbara Eramo, Lucilla Galeazzi, Yasemin Sannino, Gabriella Aiello, Raffaela Siniscalchi, Selam Yemane; ospiti Nando Citarella (voce e tammorra) e Pejman Tadayon (ney, daf).

Ci sarà anche la partecipazione del coro del Laboratorio di Sant’Egidio curato da Stefano Saletti e Barbara Eramo e due cori diretti dal maestro Angelo Fusacchia: il Coro Laboratorio musicale richiedenti asilo e rifugiati e il Coro femminile Istituto Arcangelo Corelli.

Un concerto per testimoniare la forza, le speranze, le delusioni, il fascino dei popoli che si affacciano sul mare che bagna e divide l’Europa, l’Africa, i Balcani e il Medio Oriente.

Ingresso: 15 Euro – Riduzione Finisterre 12 Euro
Promozione Speciale: al secondo concerto di Errare Humanum Est acquistato verrà applicata una riduzione del 33%
- 10 Euro anziché 15 Euro – 

Info e prenotazioni: press@finisterre.it