testata1

sparabarbaCANZONI A RACCOLTA
Ambrogio Sparagna e Luca Barbarossa tra ballate e serenate di Roma e della sua campagna

Originale spettacolo dedicato a Roma e alla sua ricca e poco conosciuta tradizione popolare. Una collezione di ballate e serenate, interpretate in modo affascinante da Luca Barbarossa e da Ambrogio Sparagna, ci conducono in un variegato repertorio antico e nuovo dove alla canzone d’autore (brani dello stesso Barbarossa o Sparagna ma anche di Romolo Balzani e altri) si alternano stornelli e balli della tradizione popolare presenti nella storia in musica della città eterna e della sua campagna. Al centro della scena Sparagna, sostenuto dalla straordinaria energia e bravura dei musicisti dell’Orchestra Popolare Italiana, dà vita ad una grande festa che riesce ad animare la piazza, la fa saltare seguendo il ritmo vorticoso tra organetti, chitarre, ciaramelle, violini e tamburelli.

Di particolare rilevanza e suggestione inoltre, la scaletta di brani proposti dalla voce di Luca Barbarossa. Una raccolta di canti controcorente, come direbbe il poeta Balzani, e parafrasando Petrolini, fatti “Tanto pe cantà”.

.

 

cantiapocrifirev2

CANTI APOCRIFI
Melodie popolari ispirate dai Vangeli Apocrifi

Un concerto di voci antichissime e sempre vive che cantano di alberi magici di carrubo, zingare gentili e ospitali, turchi che si interessano ai misteri cristiani. Una serie esilarante e commovente di situazioni ed episodi che il racconto popolare dei canti dedicati ai fatti dei Vangeli mette in scena con il coinvolgente ritmo dei solisti dell'Orchestra Popolare Italiana di Ambrogio SparagnaNello spettacolo il narratore-poeta, Davide Rondoni, traendo spunto soprattutto dai testi dei Vangeli Apocrifi e da rielaborazioni popolari, crea un legame tra le parole e i canti, al modo dei cantastorie-banditori di un tempo, che utilizzavano una scenografia di tavolozze disegnate. I testi, in chiave lirica o ironica, fungono da collegamento tra i vari canti. Tra questi, alcuni provengono dal lavoro di riscrittura fatto da Pier Paolo Pasolini nel 1955 nella nota antologia “Canti popolari italiani”.

 

.

.

.

Ballo3

TARANTA D’AMORE
Festa-Concerto di serenate e balli popolare italiani

Grande festa-spettacolo dedicata ai balli della tradizione popolare italiana: gighesaltarelliballarellepizzichetammurriate e soprattutto tarantelle, la danza matrice di tante tradizioni musicali delle nostre regioni. Al centro della scena Ambrogio Sparagna, sostenuto dalla straordinaria energia e bravura dei musicisti dell’Orchestra Popolare Italiana, dà vita ad una grande cerimonia che riesce ad animare la piazza, la fa saltare al ritmo vorticoso dei nostri balli popolari, tra organetti, chitarre, ciaramelle e tamburelli. Il pubblico diventa così  ‘protagonista della festa’ e lasciandosi travolgere dalla forza della musica, abbandonandosi agli inviti del Maestro a ballare, battere le mani, sorridere e fischiare una melodia, cantare un ritornello e sorridere per un numero ad effetto. 

 

zita3

CHE SE MANGIO' LA ZITA
Canti, Cunti & Sapori

La musica raffinata e popolare di Ambrogio Sparagna e della sua Orchestra Popolare Italiana “condisce” e conduce la rivisitazione della tradizione culinaria  dell'Italia meridionale e siciliana del “cuciniere errante” Carmelo Chiaramonte, eclettico chef,  tra i protagonisti di alcune delle più originali iniziative di cucina creativa che dimostrano il rinnovato interesse per la cultura e la ricerca della qualità del cibo. In scena gli artisti  offrono una parata di odori, suoni, canti e racconti dedicati all' antica tradizione dei rituali dei matrimoni contadini, caratterizzati  dalla presenza di un repertorio musicale specifico dove spiccano canti numerativi dedicati al cibo  speciale della sposa, filastrocche, indovinelli, serenate e danze tradizionali.

 

.

.

ITrio-lowL VIAGGIO DI GIUSEPPANTONIO
Racconti di emigrazione, ballate di strada e strumenti musicali viaggianti

Ambrogio Sparagna (organetti, voce), insieme ad Erasmo Treglia (ghironda, ciaramella, violino) e Valentina Ferraiuolo (tamburelli), esplora la tradizione musicale di area italiana attraverso una serie di brani originali composti nel corso della sua lunga attività artistica. Il filo conduttore è il mitico viaggio di emigrazione e di musica di strada, realizzato da Giuseppantonio e dai suoi compagni musici, partiti nei primi del '900 a piedi, dal Golfo di Gaeta per arrivare fino alla mitica Marsiglia. Sparagna conduce il pubblico e lo fa "camminare con la musica", tra serenate e ballate, ninne nanne e tarantelle d'amore, ritmi frenetici e saltarelli.

.

.

gruppo1REBELDE
Forgotten Gypsy Songs of Italy

Un nuovo originalissimo progetto guidato da Erasmo Treglia che vede insieme artisti storici della scena world italiana: l’acclamata band gitana di Acquaragia Drom e Mimmo Epifani, eccezionale virtuoso pugliese di mandola “da barbiere”.
Rebelde” è una speciale raccolta di brani nello stile degli Acquaragia Drom e alcuni brani sorprendenti, per scelta e arrangiamento, della storia musicale del nostro paese. Tutti insieme in una vera e propria avventura musicale che parla la lingua nomade, che attraversa le frontiere riuscendo ad arrivare in ogni angolo del mondo. “Rebelde” è infatti una rivoluzione dei generi musicali che si manifesta in un animato spettacolo che mette insieme “Bella Ciao” e “Italiano vero”, swing manouche e pizziche rom. Da cantare e ballare insieme, tutti invitati a un matrimonio zingaro dal sapore italianissimo.

.

.

Ballo4

BALLO!
La grande notte delle danze popolari italiane

Un grande evento per ballare guidati dalla musica dell’Orchestra Popolare Italiana diretta da Ambrogio Sparagna, con la partecipazione di tanti danzatori, musicisti e cantori popolari. Un progetto originale dedicato alla riproposta dell'affascinante e ancora poco conosciuto repertorio delle danze popolari italiane. Saltarello, Ballarella, Tammurriata, Pizzica pizzica, Tarantella, Laccio d’amore, Spallata, Scherma, Viddanedda questi alcuni dei balli tipici di varie regioni che vengono proposti in questo straordinario momento di festa. Nel periodo o nei giorni precedenti è possibile partecipare a laboratori aperti a tutti gli appassionati per poter far parte del gruppo di danzatori in scena (nella riproposizione collettiva dei balli appresi nel corso del laboratorio).